vetri d'arte
Il blog di storia dell'arte, appuntamenti, consigli...



Arte terapia
2015-12-17 19:29:37




Arte terapia: idea, materia e segno Pratica artistica nelle carceri

 di Donatella Zaccaria

 

Ogni opera d’arte è figlia del suo tempo, e spesso è madre dei nostri sentimenti  (Wassilij Kandinskij).

 

Da sempre, la creazione artistica permette di accedere alla propria intimità , ai desideri, ai ricordi che altrimenti rimarrebbero nascosti e non compresi.

 

Dalle incisioni rupestri ai mandala indiani, dalle maschere africane ai murales delle città , la creazione artistica ha sempre avuto un’importanza fondamentale per lo sviluppo dell’individuo.

 

L’arte non è solo strumento di svago, una pratica regolare delle arti plastiche è un fattore benefico nelle terapie mediche e viene sempre più spesso usata per avviare un processo di trasformazione, crescita personale e conoscenza di “sé". Appare come una possibilità  per avvicinarsi ai propri sentimenti perché, agisce sugli schemi che ognuno ha elaborato nell’arco della propria vita. Oggi è di moda dedicarsi ad attività  creative occuparsi di colori, di forme, di suoni o di movimenti in modo che i sentimenti inconsci possano manifestarsi liberamente.


L’Arte terapia si serve quindi della creazione artistica per entrare nell’inconscio dell’individuo e condurlo a un cambiamento positivo, a sviluppare un linguaggio simbolico che dia accesso ai propri sentimenti per poterli rielaborare. Lo scopo è quello di partire, in un processo creativo, dai propri ricordi, dolori, violenze e contraddizioni per farne il materiale di cammino personale. Lavorare su di sé, migliorando l’espressività  e la comunicazione non verbale, aiuta a creare uno stato di benessere. Bisogna creare le condizioni per lavorare in serenità  in modo che possano cadere le maschere e i blocchi che ognuno di noi possiede.


La terapia artistica che pratico nel mio lavoro, si fonda sull’Antroposofia, non usa gli elementi artistici per scopi psicologici o per fare diagnosi, ma riconduce l’essere umano alle leggi primordiali della creazione, in modo che egli le riviva.. In questa terapia si impara ad osservare, ad ascoltare, a muoversi, a sentire e pensare in modo più cosciente. Si sperimentano forze come luce, ombra e colore, forme concave, convesse, suoni forti e deboli, toni alti e bassi e si impara a portare tutto ciò ad espressione artistica. In questo lavoro ciò che più importa partecipare ai processi per imparare a dare forma a ciò che è morbido, ammorbidire ciò che è troppo duro, chiarire ciò che è troppo vago e attenuare ciò che è troppo chiaro.


Uno dei principali requisiti del terapista non è quello di essere un grande artista, ma un essere umano libero che si mette continuamente alla prova. Il terapeuta deve favorire la creatività  dell’individuo senza giudicarlo, aiutandolo ad avere una maggiore conoscenza di sé e permettendo di fare emergere elementi dell’inconscio. La funzione dell’arte terapia è di spingere con prudenza l’individuo sempre più in profondità , perché abbandonando la superficialità  possa progredire. Nel corso degli incontri, in alcune persone il senso del cammino artistico si manifesta all’improvviso con un ricordo dimenticato, un’emozione soffocata, una associazione di idee. Il terapeuta per sostenere la presa di coscienza ha una funzione di osservazione e di ascolto.


Ogni opera realizzata è lo specchio del mondo interiore e relazionale di chi l’ha prodotta. L’arte terapia è indicata a chi ha problemi d' introspezione, difficoltà  ad esprimere i propri problemi attraverso l’uso della parola o a chi, al contrario parla di sé senza mai andare in profondità . Serve a chi vuole fare un lavoro per attivare la propria capacità  espressiva e comunicativa, per sciogliere alcuni blocchi emotivi e mettersi in gioco in modo autentico e spontaneo.


Viene utilizzata su persone con disagi fisici e psichici, produce risultati con i malati terminali, i tossicodipendenti, i detenuti, gli emarginati perché la creazione di un’opera li porta ad una rivalutazione di sé stessi. Anche per le persone anziane è funzionale perché risponde al bisogno di ricostruire il proprio passato.


L’arte terapia è un sostegno ed un'integrazione ad altri interventi sulla patologia e non ha controindicazioni.