vetri d'arte
Il blog di storia dell'arte, appuntamenti, consigli...



SPECCHI MAGICI
2015-12-16 11:40:30




Lo specchio delle Streghe

 

Inserito tra le pareti domestiche delle abitazioni nord europee è documentato dalle opere di vari pittori tra le quali spicca il capolavoro di Jan Van Eyck, Il Matrimonio Arnolfini 1434 , custodito alla National Gallery di Londra.

 

Lo specchio convesso, porzione della più nota sfera magica, venne fin dai tempi antichi considerato il PORTAFORTUNA della casa che come un occhio proteggeva i suoi abitanti. Per queste virtù è meglio conosciuto nei paesi di lingua francese come “ Oeil de Sorcière”. Occhio della strega.

 

Venne anche chiamato “Specchio dei banchieri”; la sua capacità di specchiare un angolo visuale di gran lunga maggiore di uno specchio normale, lo rendeva particolarmente utile per controllare lo spazio non direttamente visibile a banchieri, cambiavalute, orefici.

Celebre è l’opera del fiammingo Quentin Metsys (1466-1530) Il Cambiavalute e sua moglie 1514, conservto a Parigi - Louvre.

Le sue proprietà deformanti attrassero vari artisti che si esercitarono in vere e proprie gare di abilità nel rappresentare lo spazio virtuale raffigurato: Il Parmigianino ne fu attratto a tal punto da lasciarci come prova della sua maestria il suo autoritratto riflesso in uno di questi specchi, l’opera si può ammirare a Vienna presso il Kunsthistorisches Museum.

 

Da molti anni realizzo Specchi Magici con diversi tipi ci cornice.Tutti gli specchi che produco, sono disegnati e decorati a mosaico nel mio laboratorio di Milano . La realizzazione artigianale, che ne fa di ogniuno un pezzo unico, mi hanno portato ad abbandonare l’idea di un catalogo, ciò avrebbe compromesso il carattere di unicità di ogniuno di essi. Preziosa fonte di ispirazione per me è la storia dell’arte. Realizzati completamente a mano, i Sorcière sono diversi uno dall’altro, per i materiali, le differenti sfumature cromatiche e la diversa capacità di riflessione degli specchi.